CloseTech 4.0

Progetto strategico di ricerca e sviluppo

Il progetto CLOSETECH 4.0 riguarda lo sviluppo di una piattaforma ICT innovativa di servizi cloud, basata su intelligenze artificiali operanti in deep learning, dedicata all’allestimento di ecosistemi di business tecnologico mirati alla diffusione sul territorio di Smart Factory secondo il concetto della virtualizzazione delle fabbriche.

Si pone l’obiettivo di colmare il gap tra la proposta tecnologica Industry 4.0 ready e la capacità di renderla efficace operativamente e commercialmente attraverso lo sviluppo di strumenti concreti per far toccare con mano agli imprenditori e agli stakeholder le tecnologie e le infrastrutture ICT adeguate alle necessità dei propri siti manifatturieri.

Tre sono gli elementi distintivi del progetto:

  1. la realizzazione di una piattaforma di servizi dedicate alle aziende produttive che scandisca tramite una metodologia sistematica lo sviluppo del lavoro – dall’individuazione del problema al suo collaudo – che valorizzi gli elementi tecnologici proposti da Industria 4.0 tramite engine grafiche (GUI) innovative;
  2. realizzare un experience lab hi-tech di carattere divulgativo-commerciale che offra con demo mirate la comprensione diretta delle tecnologie disponibili nella logica della “Virtual Factory”;
  3. allargare la gamma della sensoristica IoT sviluppando sensori Contactless basate su Radar, UWB e trasmissione su ponti radio Lora.

Le principali attività di sviluppo saranno orientate agli automi (intelligence artificiali per il big data analysis) e agli Engine Grafici (GUI) multipurpose adattivi e velocemente configurabili ottimizzati per demo dedicate customizzabili sulle necessità dei diversi utilizzatori.

Il progetto vede schierata una compagine robusta e ben strutturata: la capofila Var Group – una delle principali realtà nazionali nell’ambito ICT, eccellenza imprenditoriale toscana – è affiancata dal solido partner industriale Magis spa – leader nella produzione di nastri adesivi, che fungerà da campo di applicazione della piattaforma prototipale realizzata – da Tertium Technology – impresa specializzata nella raelizzazione di sensoristica IoT – dall’Università di Firenze quale partner scientifico e, ovviamente, da Mediaus srl in qualità di soggetto realizzatore dello strato di interfacce di gestione e interazione con l’utente (GUI).

Il ruolo di Mediaus nel progetto va a coprire uno dei bisogni fondamentali del progetto CloseTech 4.0 e – in generale – delle previsioni di Industry 4.0 nella logica della Virtual Factory, ovvero lo sviluppo di interfacce customizzabili, semplici e interattive quali strumenti chiave per la comprensione degli elementi tecnologici innovativi di cui l’industria produttiva potrà disporre per il proprio incremento competitivo tramite l’innovazione.

Mediaus presenta tra i propri filoni di attività quello dello sviluppo di sistemi di configurazione e simulazione di risultati attraverso GUI dalla user experience semplice, interattiva, evoluta. Gli ambiti di applicazione delle soluzioni sviluppate sono principalmente tre:

  • commerciale (sistemi di scelta del prodotto ideale sulla base di opzioni configurate dall’utente)
  • industriale (configuratori di prodotto sulla base di requisiti preliminari)
  • finanziario (calcolatori di soluzioni finanziarie)

Negli ambiti di applicazione commerciale e industriale è in significativa ascesa da parte della committenza la richiesta di sistemi di interazione utente (GUI) web e mobile quanto più realistici e interattivi possibile, fino a prospettare interesse rilevante per sistemi in grado di generare modelli tridimensionali interattivi delle soluzioni da parte dell’utente finale.

In questo scenario di mercato Mediaus ha uno spiccato e attuale interesse a ricercare soluzioni innovative che – anche a partire dall’integrazione e dall’evoluzione di soluzioni di mercato esistenti – permettano un’applicazione concreta ed economicamente rilevante di interfacce utente evolute come strumenti di input e/o output a processi scelta, simulazione, modellazione di bisogni sia di natura industriale che commerciale nei segmenti Business e Consumer.

Le attività svolte da Mediaus durante il progetto sono:

  • definizione dei requisiti tecnico-funzionali del progetto finale congruenti agli obiettivi posti
  • wireframing e casi d’uso
  • ricerca e analisi di soluzioni di mercato con obiettivi parzialmente o marginalmente analoghi a quelli del progetto
  • definizione degli sviluppi innovativi da realizzare
  • definizione dell’architettura delle interfacce
  • realizzazione di POC non connesso ai dati finalizzato a verificare la consistenza delle soluzioni adottate
  • sviluppo/integrazione delle tecnologie innovative
  • realizzazione di POC completo di tutte le sue parti

L’acquisizione delle competenze derivate dal progetto di R&D proposto consentono a Mediaus di consolidare il proprio mercato di produzione di GUI per sistemi interattivi; parallelamente il progetto permette l’apertura di nuovi scenari applicativi di questo specifico segmento di attività, andando a definire nuovi potenziali prodotti in un mercato in cui l’azienda oggi non è presente, quello dei sistemi remoti di controllo e comando di sistemi produttivi.

Il progetto ha ricevuto il sostegno finanziario dell’Unione Europea attraverso le misure POR FESR.

PORCreO